Intel e gli incentivi per l’ultrabook

di Francesco Commenta

Intel, il colosso dei microprocessori, ha deciso di creare il fondo per gli Ultrabook con circa 300 milioni di dollari di dotazione. La notizia arriva direttamente dal sito di Intel, newsroom Intel, intitolato come “Intel Capital Creates $300 Million Ultrabook Fund”.

A questo proposito Arvind Sodhani, presidente di of Intel Capital e vice presidente esecutivo

Ultrabook devices are poised to be an important area for innovation in the $261 billion global computer industry. The Intel Capital Ultrabook fund will focus on investing in companies building technologies that will help revolutionize the computing experience and morph today’s mobile computers into the next ‘must have’ device

L’idea del colosso americano è di finanziare progetti di aziende che hanno intenzione di definire tecnologie hardware e software finalizzate a migliorare le relazioni con gli Ultrabook. Ricordiamo a questo proposito che la nuova linea Ultrabook saranno una nuova categoria di prodotti che saranno presentati per il quarto trimestre 2011.

In effetti, l’ultrabook ha ragione di esistere solo se sarà offerto ad un costo base di meno di 1000 dollari altrimenti non saranno per nulla concorrenziali rispetto alle piattaforme attuali e a questo proposito, di certo, dovranno essere realizzate architetture che potranno essere inseriti nelle nuove configurazioni hardware in uno spessore di poco meno di 21 mm, ovvero memorie a stato solido o batteria a lunga durata.

Ricordiamo che i primi ultrabook saranno quelli di Asus, Acer e Lenovo, altri, al contrario, noon credono in questa possibilità. In effetti, secondo i costruttori scettici all’operazione ultrabook sarebbe pressoché impossibile realizzare queste architetture con l’attuale tecnologia con prezzi contenuti. I costruttori al fine di realizzare soluzioni di questo tipo da sempre avevano chiesto un sussidio di 100 dollari per modello per coprire le spese di marketing.

Intel ha pianificato una roadmap composta da tre fasi per via delle differenti architetture scelte: Sandy Bridge, Ivy Bridge e Haswell.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.